Seminario: L’attacco allo Stato di diritto e la persecuzione dei giuristi in Turchia

Seminario: L’attacco allo Stato di diritto e la persecuzione dei giuristi in Turchia

(3 aprile 2017, ore 16,30)

 

Organizzato dal DIPEC, in collaborazione con la sottosezione di SIena dell’Associazione Nazionale Magistrati, l’Ordine degli Avvocati di Siena, la Camera penale di Siena e Montepulciano e l’Associazione per la formazione forense del sud della Toscana.

 

Coordinano

Dott. Delio Cammarosano (Presidente della Sottosezione di Siena dell’ANM)
Avv. Rossella De Franco (Consigliere e referente per la Formazione del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Siena)

Saluti

Prof. Francesco Frati (Magnifico Rettore dell’Università di Siena)
Avv. Nicola Mini (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Siena)
Avv. Rossana Giulianelli (Presidente Camera penale di Siena e Montepulciano)
Dott. Roberto Carrelli Palombi (Presidente del Tribunale di Siena)
Dott. Salvatore Vitello (Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siena)
Prof. Tania Groppi (Professore ordinario di Diritto pubblico, Università di Siena)

Relazioni
Dott. Luca Perilli (Magistrato, componente della Scuola Superiore della Magistratura)
Avv. Serife Ceren Uysal (Avvocato, membro dell’esecutivo dell’Associazione degli Avvocati Pro-gressisti ÇHD; guest researcher in Ludwig Boltzmann Instutite of Human Rights BIM, Vienna)
Avv. Ezio Menzione (Avvocato , osservatore internazionale UCPI, progetto Avvocati Minacciati)

 

Aula Antonio Cardini, Dipartimento di Giurisprudenza
Via Mattioli 10, Siena

Locandina

JEAN MONNET MODULE – EUCOLAW: La cittadinanza italiana tra disciplina nazionale, principi internazionali e diritto europeo

La cittadinanza italiana tra disciplina nazionale, principi internazionali e diritto europeo

(21 marzo 2017, ore 13,30)

 

Dott. Giammaria Milani

(Università di Siena)

 

Introduce

Prof.ssa Valeria Piergigli

(Università di Siena)

 

Il seminario è parte del Modulo Jean Monnet “EUCOLAW – The Europeanization of Constitutional Law. The Impact of EU Law on national sources of law, form of government, rights and freedoms” coordinato dalla prof.ssa Tania Groppi.

 

Aula Cardini, Presidio Mattioli

Via Mattioli, 10 – Siena

Locandina

JEAN MONNET MODULE – EUCOLAW: Non discriminazione e azioni positive: il contributo della Corte di Giustizia dell’Unione europea

Non discriminazione e azioni positive: il contributo della Corte di Giustizia dell’Unione europea

(8 marzo 2017, ore 11,00)

 

Prof.ssa Valeria Piergigli

(Università di Siena)

 

Il seminario è parte del Modulo Jean Monnet “EUCOLAW – The Europeanization of Constitutional Law. The Impact of EU Law on national sources of law, form of government, rights and freedoms” coordinato dalla prof.ssa Tania Groppi.

 

Aula Magna, Presidio Mattioli

Via Mattioli, 10 – Siena

Locandina

Solidarity to the Turkish Academics – Solidarietà con gli accademici turchi

The Research Group on European and Comparative Law (DIPEC) of the University of Siena, Italy expresses concern and condemnation for the situation of Turkish academics, who have been dismissed from their universities pursuant to governmental decrees issued under the current state of emergency.
DIPEC expresses full and unconditional solidarity to dear Professor Ibrahim Kaboğlu, who has been dismissed from the University of Marmara pursuant to the most recent Decree published on February 7, 2017.
Over the years, Professor Kaboğlu has taken part to several initiatives organized by DIPEC, becoming a friend to many of us. Thanks to him, an Erasmus agreement is currently in place between the University of Marmara and the University of Siena. In this framework, several students of the Law Department have benefited from this exchange opportunity. Anyone who had the chance of meeting with Professor Kaboğlu could testify to his honesty as a teacher, as a constitutional lawyer and as a promoter of the rule of law.
We respectfully urge the reversal of this decision and the full reintegration of Professor Kaboğlu within the University of Marmara.
Against this framework, we invite you to take the initiatives you consider most appropriate, among them:
a) To address an e-mail to the Rector of the University of Marmara, asking for the full reintegration of Professor Kaboğlu: eminarat@hotmail.com; eminarat@marmara.edu.tr
b) To spare one hour of your lectures for a discussion on what is happening in Turkey, as suggested by the attached call of the “Academics for peace” group.

A note drafted by Professor Tania Groppi, Coordinator of DIPEC (in Italian);
A copy of the email sent to the Rector of the University of Marmara by Professor Groppi;
The “call for solidarity” of the “Academics for Peace” Group

 

Il DIPEC esprime tutta la sua preoccupazione e condanna per la situazione degli accademici turchi, colpiti da licenziamenti arbitrari con decreti di emergenza.
In particolare, esprime la piena solidarietà al caro collega Ibrahim Kaboğlu, licenziato dalla Università di Marmara col decreto pubblicato il 7 febbraio 2017.
Il professor Kaboğlu ha partecipato a diverse attività del DIPEC nel corso degli anni, diventando un amico di molti di noi. Grazie a lui è stato firmato un accordo Erasmus tra l’Università di Siena e l’Università di Marmara, di cui hanno beneficiato numerosi studenti. Chiunque lo conosce può testimoniare la sua correttezza come costituzionalista e come attivista nella lotta per lo Stato di diritto.
Auspichiamo una revisione del decreto e una sua piena reintegrazione nell’Università.
A tal fine vi invitiamo a mettere in atto le iniziative che riterrete più opportune, tra le quali:
a) indirizzare una e-mail al Rettore della Università di Marmara chiedendo la reintegrazione del professor Kaboğlu: eminarat@hotmail.com; eminarat@marmara.edu.tr
b) dedicare un’ora nei vostri corsi al tema della situazione creatasi in Turchia, come suggerito dal documento degli “Academics for Peace” che si allega.

Una nota del coordinatore del DIPEC, prof. Tania Groppi, sul decreto del 7 febbraio;
Copia della email inviata dalla prof. Groppi al Rettore della Università di Marmara;
La “call fo solidarity” del gruppo di accademici “Academics for peace”

 

Palomar

Eucolaw - Jean Monnet Module

Dottorato